Menu Filter

Paesaggio Condiviso

Alla deriva per scoprire il potenziale di rigenerazione

Sabato 11 maggio ore 10.00
Mercoledì 15 maggio ore 18.00
Alla deriva. Esplorazioni urbane condivise.
Partenza da EXATR

Domenica 2 giugno ore 10.30
Una passeggiata nel paesaggio condiviso.
Partenza da EXATR


Il paesaggio urbano è una proprietà o è un bene da mettere in comune?

Paesaggio Condiviso è un’esplorazione collettiva per individuare e riconoscere gli aspetti che fanno di ogni spazio della città un potenziale bene comune.
L’obiettivo è attivare uno sguardo emotivo sulla città, un sentire che influenza irrimediabilmente il modo di percepire il proprio paesaggio e dunque il vivere lo spazio urbano. Il “paesaggio” è infatti un termine complesso che contiene in sé non solo la dimensione fisica, ma anche quella personale e sociale, come definito dalla Convenzione Europea: “paesaggio designa una determinata parte di territorio così come percepita dalle popolazioni, il cui carattere risulta dall’azione di fattori naturali e o umani e dalle loro interrelazioni”.
Percepire lo spazio urbano come luogo della socializzazione diventa perciò un primo passo deciso verso una città condivisa in cui gli abitanti hanno la possibilità di riappropriarsi della propria città.

 

Come funziona Paesaggio Condiviso

“Per fare una deriva andate in giro a piedi senza meta od orario. Scegliete man mano il percorso non in base a ciò che sapete, ma in base a ciò che vedete intorno. Dovete essere straniati e guardare ogni cosa come se fosse la prima volta. Dovete percepire lo spazio come un insieme unitario e lasciarvi attrarre dai particolari.” (Guy Debord, 1956)


Il progetto si articola in due “derive psicogeografiche”, due esplorazioni urbane
, durante le quali i partecipanti, perdendosi nella città, raccoglieranno luoghi, visuali, suoni, sensazioni, ricordi, condividendo il proprio paesaggio emotivo.
Non saranno semplici passeggiate, ma una vera e propria ricerca delle sorprese e dei colpi di fulmine che si nascondono tra le strade della nostra città.

Spazi indecisi fisserà il punto di partenza, i confini, il tempo ed il punto di arrivo, ma sarete voi a procedere in modo libero, fotografando i luoghi e gli spazi che definiscono il vostro paesaggio emotivo.
L’esito di queste esplorazioni segnerà le tappe della passeggiata collettiva finale del 2 giugno ed entreranno a far parte del percorso di condivisione volto ad una riappropriazione dei beni comuni della città avviato da Spazi Indecisi ed EXATR.

 

Come partecipare

1) Partecipa alle derive urbane!

Sabato 11 maggio ore 10.00
Mercoledì 15 maggio ore 18.00
Alla deriva. Esplorazioni urbane condivise.
Partenza da EXATR

Invia una mail a spaziindecisieventi@gmail.com indicando nome e cognome, entro giovedì 9 maggio.
La partecipazione è gratuita. Ricordati di portare con te uno smartphone e/o una macchina fotografica.

2) Esplora in autonomia Forlì!
Invia a spaziindecisieventi@gmail.com foto di luoghi di Forlì che hanno un potenziale per essere ripensati.

* L’Ordine degli Architetti P.P.C. di Forlì-Cesena riconosce n° 1 crediti ai partecipanti.


a cura di: Spazi Indecisi | EXATR
produzione: Ipercorpo 2019 | Città di Ebla