Menu Filter

IN LOCO. Il museo diffuso dell'abbandono in Romagna

IN LOCO – il museo diffuso dell’abbandono è un museo senza pareti o cancelli, uno spazio di ricerca diffuso che racconta il territorio romagnolo, da Imola a Rimini, attraverso i suoi luoghi abbandonati (ville, conventi, colonie marine, edifici industriali, parchi di divertimento, chiese, etc.) per valorizzare e rileggere un patrimonio che rischia altrimenti di essere dimenticato.

La mappatura dei luoghi in abbandono, attiva dal 2010, è stata il punto di partenza per tracciare alcuni itinerari di viaggio rivolti a fotografi, architetti, esploratori urbani o, più semplicemente, a tutti coloro che vogliono conoscere la storia e il territorio della Romagna in modo insolito e approfondirne i caratteri nascosti.

L’insieme degli itinerari da vita ad una guida turistica alternativa e in continua evoluzione che rende disponibili speciali contenuti multimediali creati ad hoc, fruibili appunto in loco attraverso l’utilizzo di qr-code posti nelle vicinanze degli spazi.

 

Le fasi di IN LOCO

Esplorazione del luogo 
L’esplorazione è il momento di conoscenza per eccellenza dei luoghi in abbandono. Si entra in punta di piedi, lo si esplora, si entra in empatia.
In questa fase raccogliamo:
– fotografie e video
– geolocalizzazione

Raccolta della memoria del luogo
Nonostante l’attuale condizione di abbandono i luoghi continuano a raccontare storie.
Per raccontare queste storie è fondamentale prima cercare, raccogliere e catalogare tante informazioni:
– informazioni storiche provenienti da archivi e dalla proprietà
– raccolta testimonianze di persone che conoscono e hanno frequentato i luoghi

Connessione dei luoghi attraverso mappe
Un luogo viene inserito nel museo diffuso dell’abbandono quando racconta qualche aspetto della Romagna e dei suoi caratteri sociali, culturali, economici.
Diventa patrimonio e viene connesso attraverso un itinerario e una mappa ad altri luoghi simili, della stessa area, dello stesso periodo storico.

Racconto multimediale del luogo
IN LOCO spinge ad andare “in loco”, nelle vicinanze dei luoghi fisici, per fruire delle informazioni storiche e soprattutto dei contenuti “speciali” multimediali creati e realizzati in collaborazione con artisti e creativi.
I primi contenuti “speciali” prodotti:
audio racconti, brevi documentari, video aerei, video esplorazioni, sonorizzazioni, video arte.

 

Gli itinerari di IN LOCO

 

Itinerario artistico, diretto da Patrizia Giambi, che rilegge in chiave contemporanea 8 residui urbani grazie ad opere realizzate ad hoc per il progetto. Scopri l’itinerario e i suoi luoghi!

→ Guarda le foto della mostra presso l’Asilo Santarelli di Forlì (maggio 2015)!

 

 

Itinerario, ispirato al documentario omonimo, che rende omaggio ad alcuni tra i più importanti luoghi di lavoro della Forlì del 900.
Scopri l’itinerario e i suoi luoghi!

 

 

Itinerario che raccorda 8 relitti della riviera romagnola: un viaggio sulla costa attraverso le colonie di stampo razionalista fotografate anche per il progetto Totally Lost.
Scopri l’itinerario e i suoi luoghi!

 

 

L’itinerario in continua evoluzione che racconta i luoghi più famosi del divertimento estivo in Romagna.
Scopri l’itinerario e i suoi luoghi!

 

 

La darsena di Ravenna tra mare e archeologia industriale. L’itinerario che rende omaggio agli avamposti storici della produttività ravennate.
Scopri l’itinerario e i suoi luoghi!

 

 

Un percorso nell’entroterra tra edifici istituzionali, scuole ed opifici eredità del secolo scorso e del razionalismo italiano.
Scopri l’itinerario e i suoi luoghi!

#nasceinloco la campagna di crowdfunding

Per realizzare IN LOCO – il museo diffuso dell’abbandono abbiamo lanciato una campagna di crowdfunding su www.ideaginger.it.
Aiutaci anche tu, oltre a guadagnarti la nostra eterna riconoscenza, potrai ricevere una o più delle nostre ricompense: le nuove magliette, le mappe dei primi 7 itinerari e la possibilità di fare tour personalizzati in alcuni luoghi abbandonati in Romagna.

Cosa faremo grazie a chi partecipa alla campagna di crowdfunding?

– un centro visite in EXATR, l’ex Deposito delle Corriere a Forlì, che permetterà di accogliere al meglio chi visiterà il museo diffuso
–  itinerari tematici, approfondendo la ricerca storica, ampliando quelli già esistenti, creandone di nuovi
dispositivi tecnologici a supporto degli itinerari, che permettano di orientarsi nel territorio e accedere a mappe e contenuti nascosti
segnaletica sui luoghi in abbandono
– mappe degli itinerari per facilitare l’esplorazione.

Il team di Spazi Indecisi racconta IN LOCO