Menu Filter

Totally Lost 2015: la seconda open call del progetto che indaga gli edifici simbolo dei regimi del 900

Totally-Lost_Spazi-indecisi

Spazi Indecisi e la Rotta Culturale Europea ATRIUM (Architecture of Totalitarian Regimes of the XX Century in Urban Memory) presentano la seconda edizione di Totally Lost: una ricerca video – fotografica volta a scoprire e mappare l’eredità architettonica dei totalitarismi europei del 20° secolo, oggi in abbandono.

Attraverso il linguaggio fotografico e video di fotografi, videomakers ed esploratori urbani Totally Lost aspira a svelare come certi edifici del passato non siano “totalmente perduti” bensì rappresentino frammenti del paesaggio contemporaneo in relazione continua con chi li osserva.

Qual è il rapporto di questi luoghi in abbandono con la città che attorno vive e muta?
Come la loro posizione nel contesto urbano o naturale comunica allora come oggi potere? Trasformandosi in spazi di ricerca artistica e creativa, possono diventare incubatori per nuovi e democratici contenuti?

Traendo ispirazione da queste domande, l’edizione 2015 ha come obiettivo ampliare e arricchire la mappatura realizzata sulla piattaforma www.totallylost.eu grazie ai materiali pervenuti durante la prima edizione del contest, oltre a proseguire nell’intento di rilettura critica di un patrimonio architettonico dall’indiscusso valore.

Le fotografie ed i video che perverranno entro il 31 dicembre 2015 su www.totallylost.eu saranno valutate e premiate da una commissione e faranno parte di una esposizione pubblica itinerante curata da Spazi Indecisi, su modello delle precedenti mostre dedicate al progetto in Italia (2013), Ungheria (2013) e Lussemburgo (2014).

 

  PARTECIPA A TOTALLY LOST 2015Invia foto sulle architetture in abbandono dei regimi totalitari

Fotografa l'architettura in abbandono dei regimi totalitari

Totally Lost edizione 2015
Un progetto di: Spazi Indecisi e ATRIUM
Scadenza: 31 dicembre 2015
Ulteriori informazioni e modalità di partecipazione su www.totallylost.eu

Foto: Luca Massari

There are no responses so far.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *